Live Chat Contatti Dove Siamo Eventi Formazione
Gentile Sindaco,
la legge n. 190 del 6 novembre 2012 (“Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e della illegalità nella pubblica amministrazione”) innova sensibilmente la disciplina dei reati commessi dai pubblici ufficiali, ampliando l’ambito oggettivo a ogni forma di “cattiva amministrazione”, introducendo il concetto di rischio di corruzione con nuove misure finalizzate a contenerlo. Tra queste spiccano le disposizioni finalizzate a promuovere e a regolamentare la pratica del whistleblowing nell’ambito del pubblico impiego.

Il whistleblowing è uno strumento legale concepito per gestire in modo efficace e tempestivo le segnalazioni di dipendenti relative a fatti di cui il segnalante sia venuto a conoscenza nel corso della sua attività lavorativa e che possono integrare nei confronti di colleghi, siano essi sottoposti o superiori, la fattispecie astratta del reato di corruzione. Già collaudato da qualche anno nel mondo anglosassone, il whistleblowing è relativamente nuovo nel nostro ordinamento giuridico e soprattutto costituisce una sfida culturale.

In effetti è fondamentale il modo in cui la novità normativa viene recepita e fatta propria nel concreto. Se ci si limita a una traduzione letterale del termine, la cosiddetta “spiata”, il nuovo strumento diviene complicato da accettare e, come tale, è destinato fatalmente a fallire.
Al contrario, tenendo conto dei principi introdotti dal legislatore e adottando un approccio più ampio, il whistleblowing può essere considerato uno strumento che, tutelando la riservatezza delle comunicazioni, consente al lavoratore di contribuire ad un complessivo miglioramento della gestione amministrativa e alla mitigazione dei rischi che possono indurre a comportamenti scorretti. Con queste premesse lo strumento assume ben altri contorni, può diventare un modo per promuovere la legalità e la trasparenza e finanche un fiore all’occhiello per l’Amministrazione.

È con questo approccio che Ancitel ha realizzato WHISTLEBLOWING, una soluzione concepita per le pubbliche amministrazioni locali e le società partecipate, che consente di gestire le segnalazioni in modo riservato e anonimo grazie a un cruscotto semplice ed efficace, accessibile da qualsiasi dispositivo (pc, smartphone, tablet, ecc).

La soluzione, erogata in modalità cloud e conforme alle disposizioni in materia di Anticorruzione, si basa su una procedura che consente di attivare un canale di comunicazione bidirezionale con l’Organismo di Controllo interno dell’Ente garantendo il massimo livello di sicurezza e di riservatezza per tutto il processo di gestione della segnalazioni.

Già molti Comuni hanno scelto e utilizzano quotidianamente WHISTLEBLOWING. Scopri maggiori dettagli consultando le pagine del sito Ancitel dedicate al Servizio.

Per conoscere tariffe, modalità di adesione e altre informazioni, utilizzare il modulo di contatto.